anni60news

Barcellona, dissesto idrogeologico: 228 mila euro per la sistemazione delle saie

Scritto il 11/09/2018
da Chiara Lazzaro

228 mila euro in arrivo per la progettazione dei lavori urgenti di sistemazione delle Saie cittadine Riti, Bizzarro, Acquacalda e Cappuccini. Il comune di Barcellona Pozzo di Gotto, su input dell’assessore all’ambiente ed al territorio Tommaso Pino, è riuscito ad intercettare l’importante finanziamento in materia di dissesto idrogeologico. Per la messa in sicurezza delle citate saie, con la realizzazione dei lavori previsti, serviranno invece fondi per sei milioni e mezzo di euro. Ma intanto si può avviare la progettazione con le nuove risorse in arrivo per la città del Longano. Soddisfatta l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Roberto Materia che ha diffuso una nota stampa che pubblichiamo integralmente: “Al recentissimo ottenimento dei fondi per la progettazione della messa in sicurezza del nostro litorale compreso tra Cantoni e Calderà per una somma pari a 342.000 euro, si aggiunge il finanziamento di 228.000 euro per la progettazione dei lavori urgenti di sistemazione delle saie Riti, Bizzarro, Acquacalda e Cappuccini. La progettazione delle due opere consentirà di accedere successivamente ai fondi previsti nel patto per il SUD per la realizzazione dei lavori stessi, che ammontano rispettivamente a euro 7.450.000 per la messa in sicurezza del nostro litorale e a euro 6.500.000 per la sistemazione delle saie Riti Bizzarro, Acquacalda e Cappuccini che non pochi problemi hanno causato durante l’alluvione del 2011. Un grosso passo in avanti per rendere più sicuro il nostro territorio da tutti gli eventi alluvionali che ormai sempre più frequentemente colpiscono le nostre zone. Nel frattempo ci si è già attivati per effettuare la pulizia ordinaria annuale di tutte le saie che attraversano la nostra città e dal 17 c.m. inizierà anche la pulizia di tutte le caditoie per scongiurare eventuali allagamenti. L’imminente ricostruzione del ponte di Calderà e il finanziamento di ben 5 milioni di euro per la ricostruzione del torrente Mela contribuiranno ulteriormente a rendere il nostro comprensorio sicuro da tutti gli eventi che possono comportare rischi di natura idrogeologica. La programmazione e l’impegno di questa amministrazione continua”.

Condividi: