anni60news

Paolo Gulla’ continua a vivere nella memoria dei brolesi e non solo

Scritto il 13/09/2018
da Claudio Argiri

BROLO È stato inaugurato ieri pomeriggio il campetto di calcetto di zona sottogrotte. Intitolato per volontà dell’amministratore comunale, ed alla presenza dei genitori, papa’ Pippo e mamma Nenzy Pinzone, al giovane Paolo Gullà, prematuramente e tragicamente scomparso nel luglio 2012. Uno luogo di svago e di sport che ritorna, dopo un radicale restyling, nella disponibilità della cittadinanza, in particolare dei giovani brolesi. Al termine di una breve ma toccante cerimonia alla presenza del sindaco Irene Ricciardello, la scena è stata dei tanti ragazzi che hanno accolto con gioia l’evento che d’ora in avanti permettera’ a tutti di ricordare sempre un loro sfortunato compagno che aveva il calcio nel dna. Su richiesta, presentata nel luglio scorso, del consigliere comunale indipendente Cono Condipodero, l’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Irene Ricciardello, ha inteso dedicare il campetto al giovane brolese Paolo Gullà, grande appassionato ed amante di calcio, prematuramente e tragicamente scomparso nel luglio 2012 a seguito di un incidente stradale a Ponte Naso. Già dal momento in cui la giunta comunale aveva stabilito di ripristinare il campetto in questione, era stata contattata la famiglia di Paolo, che, come detto, ha da subito dato il suo assenso all’intitolazione. Tutto l’iter amministrativo e tecnico per il ripristino del campo di via sottogrotte è stato curato dall’assessore al Patrimonio, il vice sindaco Gaetano Scaffidi Lallaro. ”Siamo orgogliosi di ridare al paese di Brolo e, soprattutto, ai nostri giovani, una struttura sportiva totalmente ripristinata e messa in sicurezza. Uno spazio da regalare ai nostri ragazzi, siamo altresì felici di poter intitolare questo luogo di sport ad un ragazzo che non è più tra noi ma che tanto ha amato il calcio e lo sport “. “Manifesto viva soddisfazione, in primis come cittadino e poi come Consigliere Comunale – le parole di Cono Condipodero, per il completamento dei lavori del campo di calcetto di via Santa Barbara, già oggetto di una mia interrogazione nel dicembre scorso, che è stato quindi finalmente restituito alla fruizione degli sportivi brolesi. Ma ciò che più mi riempie di orgoglio e di commozione è la decisione di intitolare il campo di calcetto a Paoletto Gullà. Sarei stato onorato di poter presenziare all’inaugurazione. Purtroppo, precedenti ed improrogabili impegni familiari assunti, uniti al mancato preavviso da parte degli organizzatori me lo hanno impedito. E’, questa, una piccola nota di amarezza che nulla toglie alla gioia per il giusto tributo alla memoria di un giovane e straordinario figlio di questo paese”.